sabato 31 marzo 2012

Statement

Ritengo sacrosanto il diritto di ogni essere su questa terra di potersi esprimere come meglio crede, seguendo quella pulsione che ci porta tutti quanti in qualche modo a tirar fuori la bellezza   (intesa con il suo significato classico del termine) celata e a volte sepolta dentro l'anima di ognuno.
Quante volte soffochi quella voce? E' la voce che parla senza quasi farsi sentire, ma è la più importante.
Ogni volta che rinunci ad esprimerti, a ricalcare quella voce, a tirar fuori quello che veramente senti è come se piano piano ti costruissi una maschera sempre più densa e pesante, sotto la quale è difficile respirare.
Privarsi di ciò che si prova realmente è un attentato a se stessi.
Evitare di esprimersi per la paura, vuol dire non accettarsi e negarsi.
La verità non è la stessa per tutti, ma ognuno ha qualcosa da dire.
Esprimersi, vuol dire esistere.
Esercizio per oggi: decidi di esprimere qualcosa che senti e che hai tenuto a lungo dentro di te. Un buon metodo è quello di scrivere, dipingere, oppure fare una foto che sia significativa.
Non dimenticare di ascoltarti, inizia da adesso.

tavolozza di colori




1 commento:

  1. Che bel consiglio! Cercherò di metterlo in pratica...

    RispondiElimina

Archivio blog